Parmalat, offerta di Lactalis

Il gruppo Lactalis ha depositato presso la Consob il documento di offerta relativo all’offerta pubblica di acquisto, totalitaria volontaria, su Parmalat. All’interno del documento la compagnia ricorda che l’offerta è condizionata al raggiungimento della soglia del 90,5 per cento del capitale sociale, e che l’obiettivo è il delisting della compagnia. Il gruppo Lactalis già controlla l’87,74 per cento del capitale e dunque, sostanzialmente, l’operazione punta a controllare poco meno di altri tre punti percentuali di partecipazione al capitale sociale di Parmalat. Stando a quanto diramato all’interno del documento di offerto relativo all’offerta pubblica di acquisto, il prezzo d’OPA annunciato è di 2,8 euro. Continue reading “Parmalat, offerta di Lactalis”

Investimenti azionari, qualche vivacità europea

Non mancano i buoni spunti di gennaio per i mercati azionari europei, con la principale “anomalia” del listino londinese, dove il FTSE 100 ha raggiunto nuovi massimi assoluti a dispetto delle dichiarazioni del primo ministro, Theresa May, che lasciano preludere ad una hard brexit. A trascinare Londra sono stati in particolare i titoli del comparto minerario e la debolezza della sterlina, mentre a pesare invece sui listini europei sono stati i comparti auto e bancario (il primo colpito dalla nuova ondata di inchieste sulle emissioni nocive partite dall’autorità americana Epa, e il secondo penalizzato dalle attese, poi confermate nel fine settimana, sul taglio di rating sul debito sovrano italiano da parte dell’agenzia canadese DBRS che peggiora le condizioni di rifinanziamento bancario presso la BCE). Continue reading “Investimenti azionari, qualche vivacità europea”

Buon esito per l’ultima asta dei titoli di Stato del 2016

Si è conclusa con un ottimo risultato l’ultima asta dei titoli di Stato del 2016, andata in porto con rendimenti a nuovi minimi storici. Sul finire dell’anno sono infatti terminati sul mercato primario ben 6,5 miliardi di euro di BoT a 6 mesi, in offerta con un tasso di -0,317%, e dunque con un rendimento negativo che è ancora più basso sia rispetto a quello di un mese fa (-0,199%) sia nei confronti del precedente primato registrato a ottobre (-0,295%) con richieste che ammontano a 1,49 volte l’importo assegnato. Continue reading “Buon esito per l’ultima asta dei titoli di Stato del 2016”

Settimana con chiusura cauta per il petrolio

economia-1Prevale la cautela sui mercati petroliferi con le quotazioni deboli vista la forza del dollaro statunitense e vista l’incertezza perfino di un accordo in seno all’OPEC per tagliare la produzione il prossimo 30 novembre. Anche la notizia che il gigante petrolifero saudita Saudi Aramco aumenterà le forniture ad alcuni clienti asiatici rende volatile il mercato. A questo si aggiunge la flessione delle importazioni cinesi di greggio ai minimi giornalieri da gennaio che ha contribuito a penalizzare i prezzi del petrolio. Continue reading “Settimana con chiusura cauta per il petrolio”

Enel chiude primi 9 mesi del 2016 con utile in crescita

enelEnel ha annunciato i risultati dei suoi primi 9 mesi dell’attuale esercizio. Stando a quanto diramato in un comunicato indirizzato agli stakeholders, i primi 9 mesi dell’anno per Enel si sono chiusi con un risultato netto ordinario di 2,7 miliardi di euro, in crescita del 2,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il Gruppo elettrico, visto il buon andamento della gestione, ha annunciato che verrà reintrodotto l’acconto del dividendo nel 2017: 0,09 euro per azione con pagamento il 25 gennaio 2017. Continue reading “Enel chiude primi 9 mesi del 2016 con utile in crescita”

Mediolanum supera stress test con risultati positivi

mediolanumBuone notizie per gli azionisti di Banca Mediolanum, con l’istituto di credito lombardo che ha superato positivamente gli stress test cui è stata sottoposta. La valutazione da parte della Banca Centrale Europea era stata avviata perché nel settembre 2015 poiché Banca Mediolanum aveva attivi di bilancio prossimi ai 30 miliardi di euro, una soglia oltre la quale si viene classificati come banca d’interesse rilevante. Ebbene, la valutazione si è conclusa, fanno sapere ora le fonti ufficiali, con risultati positivi che non potranno che apportare beneficio al corso del titolo. Continue reading “Mediolanum supera stress test con risultati positivi”

Caterpillar, nuovo calo del giro d’affari

c10000554Considerato l’oggetto del nostro odierno approfondimento, si potrebbe parlare di un crollo della terra sotto i piedi del gruppo Caterpillar, uno del leader mondiali nella produzione di macchine per il movimento terra, costretto ad annunciare risultati trimestrali non particolarmente esaltanti e a dover rivedere al ribasso nuovamente l’outlook di breve e di medio termine. Continue reading “Caterpillar, nuovo calo del giro d’affari”

BCE ridurrà gli acquisti di titoli di Stato?

economia-1Nella serata di ieri, dopo la chiusura dei mercati europei, si sono diffusi rumors (rilanciati principalmente da Bloomberg) relativi al fatto che vi sia la concreta possibilità che la Banca centrale europea possa effettivamente avviare una fase di tapering, ossia la graduale riduzione degli acquisti di titoli di Stato, prima del termine originario del quantitative easing, che è attualmente previsto per marzo 2017 (ma sul quale, in verità, ci sono numerosi voci di un possibile slittamento per almeno altri tre o sei mesi). Continue reading “BCE ridurrà gli acquisti di titoli di Stato?”

Banche, impieghi alle famiglie in calo

denaro calamitaSecondo quanto asseriscono gli ultimi dati ABI recentemente pubblicati attraverso il periodico dossier, gli impieghi delle banche italiane a famiglie e imprese registrati nel corso del mese di agosto sono in leggero calo annuo, segnalando una dinamica che ancora risente pesantemente della crisi economica, confermata anche da sofferenze nette in aumento a luglio. Continue reading “Banche, impieghi alle famiglie in calo”