Pancia gonfia addio: ecco i rimedi giusti

gonfiori addominaliDiciamoci la verità: la pancia gonfia, per le donne, è un problema molto comune  e frequente. Molto spesso indica una situazione alimentare disordinata e preoccupante, ma in alcuni casi è uno degli indizi che portano al ciclo mestruale. Vediamo, però, come limitare questi noiosi gonfiori addominali.

Molto spesso, quell’antiestetico gonfiore deriva da una cattiva alimentazione: molti cibi, infatti, fermentano e creano gas. L’aggiunta di acqua, poi, crea un effetto a palloncino che facciamo davvero fatica  agestire. Ovviamente, alcuni cibi sono assolutamente vietati (se non si vuole lievitare), ma sarebbe anche opportuno fare un test delle intolleranze.

Sicuramente, uno dei fattori scatenanti del terribile gonfiore addominale è rappresentato dalle intolleranze alimentari. Per questa ragione sarebbe opportuno tenere una sorta di diario alimentare. In questo modo sarà possibile annotare gli episodi di gonfiore. Dati alla mano, poi, sarà più semplice rivolgersi ad uno specialista per cercare di risolvere il problema.Attenzione, poi, alle verdure: quando si è predisposti al gonfiore addominale (e quindi alal facile fermentazione), si può trovare sollievo nelle verdue cotte, mentre quelle crude sarebbero da ridurre.Un occhio di riguardo, poi, va dato al consumo di legumi: in linea di massima è normale sentirsi gonfi dopo aver mangiato fagioli o ceci, ma è altrettanto vero che questi disturbi possono diminuire se si passano i legumi al passaverdura, o se si introducono in modo graduale.Infine, attenzione anche al consumo di frutta. Questa dovrebbe avvenire lontano dai pasti (sotto forma di spuntino leggero e spezzafame), in modo da prevenire eventuali gonfiori.C’è da dire che tutte queste indicazioni sono, in realtà, delle situazioni molto generali. I gonfiori addominali possono essere generati da molte cause. Per questo motivo, prima di rivolgersi ad uno specialista è opportuno analizzare il proprio regime alimentare.Tenendo un diario giornaliero dei pasti assimilati, si avrà la possibilità di comprendere appieno (aiutati ovviamente da un medico) la propria situazione personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *