Chi sono i migliori manager italiani?

telephone-586268_960_720La classifica non sarà certo di piena valenza universale, ma secondo quanto afferma una prestigiosa ricerca condotta dall’Harvard Business Review Italia e dall’Insead di Fontainebleau è Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler, ad ottenere il primo posto nella classifica dei chief executive officer con le migliori prestazioni del nostro Paese.

Per arrivare a tale risultato gli autori della ricca indagine hanno considerato principalmente due variabili ponderate secondo un algoritmo definito dall’Insead: il rendimento aggiustato per settore e la variazione della capitalizzazione della società in borsa. Inoltre, la classifica – che riguarda solo società quotate – non considera gli eventuali risultati ottenuti prima del 1995, fa riferimento ai dati al 30 aprile 2015 e non include manager in carica da meno di due anni.

Detto ciò, alle spalle di Marchionne si trova Alberto Vacchi, presidente di Ima e candidato alla presidenza di Confindustria, seguito da Fabio De’ Longhi, a.d. dell’omonima azienda. Al quarto posto si trova invece Massimo Doris, al vertice di Banca Mediolanum, seguito a brevissima distanza da Piermario Motta di Banca Generali.

Tornando a Marchionne, lo studio rivela che da quando è stato nominato amministratore delegato di Fiat (dal 1° giugno 2004 e fino al 30 aprile scorso), il ceo italo-canadese ha assicurato agli azionisti un rendimento complessivo del 251 per cento. Tanto, ma non più alto di quello garantito da Vacchi, che invece può vantare un +1.700 per cento. Tuttavia, Fca ha visto nel periodo la capitalizzazione di mercato salire di 13,2 miliardi di euro.

“Si tratta della prima indagine di questo tipo condotta in Italia e, nonostante alcuni limiti temporali e di disponibilità dei dati, presenta un risultato significativo” – dichiara il direttore responsabile della rivista, Enrico Sassoon – “La performance dei ceo è stata valutata secondo criteri scientifici oggettivi e depurata da possibili distorsioni settoriali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *