Guida alle principali tipologie di opzioni binarie

denaro

Il trading binario è una branca riconducibile al più universale mondo del forex e, in particolar modo, uno dei tanti aspetti che giorno dopo giorno vengono presi di mira da persone che sono interessate a fare soldi con una certa facilità.

L’ambito del trading binario che molto probabilmente conosci già si chiama “opzioni binarie”, termine dietro cui si nasconde uno strumento finanziario che permette di vincere o perdere un dato investimento semplicemente sulla base di una scelta da fare: le opzioni binarie impongono infatti che il trader effettui una scelta binaria, una scelta che presuppone un 50% di rischio perdita e un 50% di possibilità di vincita. Ad oggi sono diverse le tipologie di opzioni binarie con cui quotidianamente siamo soliti entrare in contatto.

Opzioni Top Down: queste tipologie di opzioni binarie (che in italiano vengono anche rinominate come “opzioni alto/basso”), presuppongono che il trader individui il trend che il prezzo prenderà entro un determinato periodo di tempo. In questa fattispecie bisogna sostanzialmente stabilire se il prezzo di quel dato bene aumenterà o diminuirà e se lo farà entro un periodo di tempo che viene predeterminato a monte. Le opzioni top down in genere offrono rendimenti che in caso di previsione azzeccata possono anche arrivare a toccar quota 85% (sebbene in alcuni casi si possa arrivare persino al 91%); mentre nell’ipotesi di una perdita in genere o si perde tutto il capitale investito o si viene tutt’al più ripagati con una piccola percentuale “di consolazione”.

In virtù della loro grande semplicità, le opzioni alto/basso vengono utilizzate un po’ da chiunque, soprattutto da coloro i quali sono alle prime armi con il trading binario e che devono ancora capire per bene come funziona questo mondo tanto ricco di risvolti.

Opzioni Interval: le opzioni Interval hanno invece una struttura più complessa rispetto a quelle Top Down. In questo caso infatti, il trader deve riuscire a prevedere un intervallo di cifre entro cui stima che il prezzo dell’asset si manterrà. Quanto più è difficile effettuare una previsione corretta, tanto più saranno elevati i rendimenti previsti con un ritorno che può persino arrivare al 500% della somma investita. Per quanto allettante, però, in genere si sconsiglia a un principiante di avventurarsi in questa tipologia di opzione: il tentativo di guadagnare il 500% potrebbe sfuggire di mano a molti accumulando perdite su perdite nel caso in cui non si dovesse essere realmente ferrati in materia. Per chi è agli inizi è perciò consigliabile prediligere le opzioni alto/basso e solo dopo provare a sperimentare terreni più aridi.

Opzioni Touch: come dice il nome stesso, queste opzioni chiedono al trader di individuare un valore di prezzo che a suo dire verrà toccato dall’asset. In questo senso non è per forza di cose necessario che l’asset mantenga per un lungo arco di tempo quella data cifra: è sufficiente che il prezzo prestabilito venga molto semplicemente toccato anche una sola volta e anche per un misero secondo affinché si possa chiudere in positivo! Anche in questo caso i guadagni possono essere davvero molto elevati e le difficoltà di una corretta previsione altrettanto evidenti.

Per maggiori informazioni consultate pure il portale di approfondimento tradingbinario.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *