Fine di un amore: ecco i segnali da cogliere al volo

Fine-di-un-amoreLa fine di un amore è sempre devastante da entrambe le parti. Si tratta, in fondo, di un fallimento comune che segna inesorabilmente. Eppure, secondo molti sociologi, vi sono dei segnali ben chiari che identificano il problema: ecco quali sono, e come gestirli.

Le discussioni sono all’ordine del giorno? Ecco, questo è di sicuro un segnale che vi può far comprendere come qualcosa non stia andando nel verso giusto all’interno della coppia. La situazione si complica se, al posto delle discussioni, subentra il silenzio.

E’ importante comunicare, ma questo non significa attaccarsi ad ogni pretesto per discutere oppure (molto peggio) chiudersi in un lungo silenzio da cui nessuno vuole uscire.

Un altro segnale evidente arriva da voi stessi: evitate di cercare sempre un difetto nel vostro partner. Ognuno di noi, infatti, è fatto a proprio modo: se non lo avete cambiato nel corso del vostro matrimonio, non cambierà certo ora che siete in crisi.

Uno dei segnali a cui dobbiamo prestare sempre molta attenzione è la dipendenza da alcol oppure dal gioco d’azzardo o da internet: in questo caso voi dovrete aiutarlo ad uscire da questa situazione, mostrandogli il vostro supporto e la vostra attenzione. Se non sottovaluterete il problema, riuscirete a risolverlo facilmente. Insieme.

Attenzione anche alla dipendenza dal lavoro: ormai il coniuge rientra sempre più tardi la sera, e nemmeno vi avvisa? Provate a parlagli e a comprendere se le sue sono reali esigenze professionali, oppure semplici scuse.

Inoltre, la tristezza è tollerata all’interno di una coppia: può capitare di vivere momenti di sconforto o di paura. Il coniuge dovrà fare attenzione a captare questi segnali, e ad aiutare il partner. Attenzione, però: la tristezza non deve trasformarsi in depressione.

Infine, ricordatevi che alla base di una buona e sana relazione affettiva c’è il rispetto e la comunicazione: non attendetevi di vivere ancora giornate di passione dopo anni di convivenza o matrimonio. Tutti i rapporti si evolvono: sta a voi decidere come.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *